Domaine du Bel-Air

Domaine du Bel-Air



Domaine du Bel-Air

Domaine du Bel-Air

Domaine du Bel-Air è un azienda vinicola gestita da Pierre Gauthier e sua moglie nella Loira, in Francia. E’ un produttore biologico che ha riversato nella viticoltura il sapere rurale, antico e onesto, dei suoi antenati. Infatti già il suo bisnonno lavorava la terra ma in senso più agricolo. E’ lui infatti ad aver acquisito le prime parcelle di terra a Benais ovvero la stessa città dove si trova adesso la ditta. Con gli anni però i terreni sono passati di padre in figlio, che hanno dovuto necessariamente cambiare la propria produzione per andare in contro alle esigenze del tempo. Fino a al padre di Pierre, che ha trasformato tutto in produzione di vino.

Quando il padre ha consegnato il testimone a Pierre aveva un solo desiderio: che il figlio continuasse la sua opera. È stato l’ultimo enologo a lavorare le sue viti con un cavallo, così anche il figlio ha continuato la tradizione con un cavallo. Inoltre ha trasmesso tutti i valori della natura e della passione nella terra che ancora oggi contraddistingue Domaine du Bel-Air. Mentre negli anni 80′ si cominciava a parlare di fertilizzanti, prodotti chimici ed espedienti comodi che facevano risparmiare soldi e tempo Pierre è sempre rimasto fedele al suo credo. Infatti la sua produzione biologica è invidiata in tutta la zona e ha permesso di ottenere importanti certificazioni a livello vitivinicolo.

Quali sono le caratteristiche dei suoi vini

Il Revue du Vin de France scrive di Domaine du Bel-Air “Vini maturi e sfaccettati, dall’eleganza naturale e dall’allungo memorabile”. Detto da una delle riviste più famose di vini, è un’autentica consacrazione nell’olimpo dei produttori della Loira.

La produzione di questa tenuta è quasi esclusivamente di rossi. I più famosi sono Bourgueil Jour De Soif, Grand-Mont, Clos Noveau. I vini sono corposi, con pochissimi tannini e hanno i sentori più disparati. Come già anticipato prima l’azienda rientra nella certificazione di vini biologici.

 

> Scopri la prossima cantina della Francia: Sebastien Brunet