Domaine Ragot

Domaine-Ragot



Già nel 18° secolo la famiglia Ragot coltivava vigne nel comune di Mercurey, per poi trasferirsi nel 19° secolo a Givry. Nel 1960 l’attività veniva svolta sotto il nome di Ragot Frères, per trasformarsi in Domaine Ragot nel 1984, sotto la direzione dei cugini Jean-Paul e Jean-Pierre. Alla morte di Jean-Pierre nel 1991, la guida è passata nelle mani di Jean-Paul, affiancato nel 2002 dal figlio Nicolas, che dal 2008 è l’unico della famiglia ad occuparsi dell’azienda. Nel 2003 è stata costruita una nuova e moderna cuverie. Attualmente il Domaine possiede circa 9 ha di vigne, tutte nel comune di Givry, coltivate a pinot noir, chardonnay e aligoté. Da oltre quindici anni è stato abolito l’uso di diserbanti e viene praticato il parziale inerbimento tra I filari. E’ praticata una “lutte préventive raisonée” per contenere al minimo l’uso dei prodotti sistemici. Raccolta manuale e selezione dei grappoli sia in vigna che in cantina. E’ in corso la sperimentazione della coltura “biologica” su circa un ettaro di vigna.

La vinificazione in rosso prevede il diraspamento totale, una macerazione a freddo di 4/6 giorni a 12/14°, uso di lieviti indigeni, fermentazione di 10/15 giorni, affinamento in legno, nuovo per il 20%, di 12/16 mesi a seconda del vino e della annata. La vinificazione in bianco prevede una pigiatura delicata a grappolo intero.. Fermentazione in acciaio inox e trasferimento in piccole botti e, in parte, in acciaio inox, per terminare la fermentazione primaria e svolgere quella malolattica. Affinamento di 10/12 mesi. Leggera filtrazione prima dell’imbottigliamento.

> Scopri la prossima cantina della Francia: Domaine Remi Jobard