Francesca Castaldi

Francesca Castaldi


cantina francesca castaldi

Francesca Castaldi

La cantina Francesca Castaldi è una delle più rinomate cantine naturali del Piemonte. Ci troviamo a Briona, provincia di Novara, su dolci colline che cullano le viti. Oggi i proprietari sono Francesca Castaldi e suo figlio Marco, che questo territorio lo proteggono e lo amano follemente. Un legame indissolubile con questo territorio che la famiglia Castaldi porta avanti da quasi tre secoli.

Oggi i vini di questa cantina sono incredibilmente maturi e hanno personalità da vendere. Vi possiamo assicurare che ogni calice dei loro vini vi rimarrà impresso nella memoria. Forse per sempre.

La storia della cantina

Come abbiamo anticipato, la storia di questo produttore vinicolo proviene da lontano. Infatti la famiglia Castaldi si trasferisce qui alla fine del 1700. Detto ciò, grazie ad alcune testimonianze scritte sappiamo che la produzione di vino in questa zona risale addirittura al 1100 D.C.

Negli anni ‘30 del secolo scorso, Pierino Castaldi prende in mano l’azienda dopo decenni di incuria del territorio. Nonostante la povertà e la crisi dovuta alla Seconda Guerra Mondiale, Pierino riesce a costruire un trattore recuperando parti meccaniche da vari mezzi. Lo chiama “Figlio di Nessuno” ed è solo un assaggio della tenacia e della resilienza di quest’uomo. Lui è stato anche uno dei primi a credere fortemente nella salvaguardia del di questo territorio.

Dal 1997 subentra la figlia Francesca Castaldi, che decide di dare una spinta innovatrice all’azienda agricola. Infatti lei decide di abbandonare il sistema di viticoltura chiamato “tendone o pergola” per aggiornare la sua produzione al sistema Guyot. Questo sistema garantisce maggiore longevità ai vigneti e una maggiore qualità dell’uvaggio. Inoltre procede anche con numerosi innesti più moderni, che migliorano la produttività della cantina.

Dopo numerosi anni di cambiamenti e ammodernamenti dell’azienda, nel 2016 subentra in azienda anche il figlio Marco. Dunque la tradizione vinicola della famiglia Castaldi continua, rimanendo ben ancorata a questo fantastico territorio.

I vigneti e il territorio

I vigneti si trovano su morbide colline sulla riva sinistra del fiume Sesia. Il suolo deriva dal disgregamento delle rocce alpine ad opera del grande ghiacciaio che scendeva in pianura fino a circa 10000 anni fa. Infatti è piuttosto sciolto, composto da uno strato di argilla che poggia a sua volta su banchi di ciottoli e sabbie metamorfiche. I suoli sono acidi o sub-acidi, come in tutto il Nord Piemonte. I 6,5 ettari dei vigneti sono stati reimpiantati nel 1997 e sono costituiti al 70% da Nebbiolo e per il resto da Uva Rara, Vespolina, Barbera ed Erbaluce.

La gestione e la vendemmia in questa cantina sono perlopiù manuali. Questo permette di selezionare solo le migliori uve, garantendo una qualità eccellente del prodotto finale.

Francesca Castaldi: La filosofia della cantina

Abbiamo già detto quanto questa azienda agricola sia legata al territorio e lo voglia rispettare. Ma nel concreto, che politiche e che filosofia adotta questa cantina per limitare l’impatto ambientale? Ecco una lista esaustiva, fornita direttamente da questa cantina:

  • Utilizzo di mezzi biologici di controllo delle malattie della vite (parassiti, infestanti, erbe infestanti);
  • Utilizzo di tecniche di vinificazione moderne che abbassano l’utilizzo di solfiti (scopri cosa sono i solfiti nel vino);
  • Abolizione dell’utilizzo di diserbanti chimici;
  • Vendemmia perlopiù naturale, che permette di non inquinare con sistemi motorizzati.

> Scopri la prossima cantina del Piemonte: Giuseppe Cortese