Giuseppe Cortese

giuseppe-cortese



Giuseppe Cortese

Giuseppe Cortese

Giuseppe Cortese è una cantina produttrice di vini piemontesi fin dal 1971. É situata nel paese di Barbaresco nella territorio delle Langhe, una delle più leggendarie zone vinicole d’Italia. Qui siamo a circa 300 metri di altitudine e i vigneti hanno un’esposizione fra ovest e sud-ovest. Da qui nasce una storia d’amore sia per la propria terra che per la famiglia che dopo tutti questi anni rimane unita come non mai.

Con il Rabajà, che è tra i cru più adatti al vino Barbaresco, ha raggiunto l’apice del suo lavoro raggiungendo il massimo potenziale del Nebbiolo nelle sue vigne. In effetti possiamo affermare che la cantina di Giuseppe Cortese è tra i massimi interpreti del Barbaresco e grazie a questo tipo di prodotto riesce ad ottenere un prestigio internazionale. Tra gli altri uvaggi dell’azienda possiamo trovare Chardonnay, Barbera e Dolcetto che regalano emozioni a ogni sorso.

In questa cantina troviamo un amore viscerale per la natura e un rispetto senza eguali per quello che il pianeta offre. Infatti qui sono vietati trattamenti chimici o prodotti invasivi che possono compromettere il naturale ordine delle cose. Forse è proprio grazie al rispetto per la natura che i vini di questo produttore sono così profondi e ci ricordano così tanto il Piemonte e le Langhe.

La Storia del Barbaresco DOCG

Dato che parliamo della cantina Giuseppe Cortese, una dei massimi interpreti del Barbaresco, ci sembra giusto approfondire la storia di questa denominazione.
Partendo dalla leggenda, che quindi va presa come tale e non come fatti certificati, si dice che ai tempi dei Romani alcune legioni si erano stanziate nel territorio. Avevano disboscato la zona e piantato viti per soddisfare i loro piaceri. A seguito di questi racconti non perviene nessuna notizia nella zona per millenni.

La prima bottiglia con etichetta “Barbaresco” risale al 1870 ma è grazie al professore Domino Gavazza se dal 1894 comincia una vera e propria produzione Barbaresco. Però fu solo un tentativo che fallì definitivamente nel 1922 a seguito dello scarso successo commerciale.

Nel 1958 invece nasce la fondazione Produttori del Barbaresco che segna la definitiva nascita del superbo vino che oggi apprezziamo. Nel 1980 ottiene la DOCG, ma la cantina Giuseppe Cortese aveva investito già dagli anni 70 su questo prodotto memorabile. Vino che ha reso noto il produttore in tutto il Mondo.

> Scopri la prossima cantina del Piemonte: Le More Bianche