Vincent Gaudry

vincent-gaudry



Vincent Gaudry è un vignaiolo di genio. Pioniere della biodinamica nel suo distretto (certificazione Demeter datata 2004, la prima della zona), lavora oggi 11 ettari di vigna a Sury-en-Vaux, su tutte e tre le matrici geologiche esistenti nell’areale del Sancerre – un caso più unico che raro. Le matrici, ossia le terres blanches argillo-calcaree, le zone ciottolose e gessose (caillottes) e le distese silicee più prossime alla Loira (silex), si trasfondono nelle uve conferendo caratteri distinti: esotico e agrumato nel primo caso, corposo e persistente nel secondo, minerale e affumicato nel terzo. E Vincent, uomo dalla sicura fascinazione per l’antico ruolo dell’alchimista, è un abile, attento, rispettoso plasmatore, un mediatore tra i talenti delle uve e quelli dei luoghi.

Tessiture eleganti, purezze adamantine, rispetto dell’origine, prevalenza del fattore ambientale su quello varietale, longevità imprecisabili, straordinario senso di tensione: queste le ragioni per assaggiarne i vini, che ormai per unanime sentire si collocano tra i più grandi Sancerre e quindi, ad onta di prezzi a dir poco sensati, tra i più grandi bianchi del mondo.