Maison des Saules

Maison des Saules


Maison des Saules


Maison des Saules

La Maison des Saules è una nuova cantina della Jura, più precisamente di Nevy- sur- Seille. Si tratta infatti di un esordio assoluto che si concretizza nell’ autunno 2023 con una microproduzione di una prima cuvée base Chardonnay. Parliamo di 2472 bottiglie già interamente destinate a pochi noti locali di Parigi, Beaune, Chablis ed Arbois.

D’altro canto invece ci troviamo di fronte a una giovanissima coppia che ha già assimilato solidissime esperienze lavorative nei più qualificati ambienti del vino artigianale e naturale francese. Anne-Cécile e Marc Lacroix, oltre che una giovanissima coppia di genitori nella vita, sono due affermati sommeliers. Dopo aver condiviso esperienze in alcuni tra i più ispirati luoghi “avant-garde” del vino a Parigi decidono di abbandonare l’ambito della ricerca e nella selezione per dedicarsi attivamente alla vigna e alla produzione vitivinicola.

Marc in particolare assume in poco tempo un ruolo di stretta collaborazione con Thomas Pico a Courgis (Chablis) presso il Domaine Pattes Loup fino a diventarne il braccio destro e responsabile di cantina. Nativi entrambi della Jura a un certo punto decidono di rientrare e metter su famiglia acquistando da Francois Rousset Martin alcuni piccoli appezzamenti a Nevy-sur-Seille nel comune di Villeneuve sous Pymont già allevati da anni in regime organico.

La produzione vinicola

Ceppi di Savagnin, Chardonnay, Trosseau, Poulsard e Pinot Noir di età variabile dai 10 agli 80 anni su suoli del Lias jurassico esposti ad Est. Sono stati convintamente adottati da Maison des Saules per concepire la loro idea di vino sviluppiata negli anni nel calice attraverso la ferma convinzione che la via della naturalità e del “fidelismo” territoriale non possano più assecondare scappatoie stilistiche che ne pregiudichino eleganza e affidabilità evolutiva.

Fermentazioni spontanee in cemento e barriques usate a seconda dei casi. Successivi affinamenti di 12 o 18 mesi in base alle varietà senza alcun ausilio di solfiti se non episodicamente in fase di imbottigliamento.

> Scopri la prossima cantina della Francia: Overnoy